1952 Yakovlev Yak-11

The Yakovlev Yak-11 (NATO reporting name: "Moose", Russian: Як-11) is advanced trainer aircraft used by the Soviet Air Force and other Soviet-influenced air forces from 1947 until 1962. It was produced in 1946-1953 in USSR and in Czechoslovakia. A total of 4,566 were built.

 

The Yakovlev design bureau began work on an advanced trainer based on the successful Yak-3 fighter in mid 1944, although the trainer was of low priority owing to the ongoing Second World War. The first prototype of the new trainer, designated Yak-UTI or Yak-3UTI flew in late 1945. It was based on the radial-powered Yak-3U, but with the new Shvetsov ASh-21 seven-cylinder radial replacing the ASh-82 of the Yak-3U. It used the same all-metal wings as the Yak-3U, with a fuselage of mixed metal and wood construction. Pilot and observer sat in tandem under a long canopy with separate sliding hoods. A single synchronised UBS 12.7 mm machine gun and wing racks for two 100 lb bombs comprised the aircraft's armament. An improved prototype flew in 1946, with revised cockpits and a modified engine installation with the engine mounted on shock absorbing mounts. This aircraft successfully passed state testing in October 1946, with production beginning at factories in Saratov and Leningradin 1947. Production Yak-11s were heavier than the prototypes, with later batches fitted with non-retractable tail wheels and revised propellers. A 7.62 mm ShKAS machine gun was sometimes fitted instead of the UBS, while some were fitted with rear-view periscopes above the windscreen. In total, Soviet production amounted to 3,859 aircraft between 1947 and 1955. with a further 707 licence-built by Let in Czechoslovakia as the C-11. The Yak-11 set five world-class records.

 

D-FJII: Costruito nel 1952 nei laboratori Yakovlev col numero di serie Y-5434, questo aeromobile è stato utilizzato dall'esercito egiziano e fa parte di un lotto di aerei che è stato recuperato e portato dall'Egitto da Raymond Capel e Salis Aviation.
Arrivati in Francia con altre parti di ricambio, questo esemplare è stato acquistato e restaurato da Philippe Joyet, un amico della famiglia Salis, a Losanna, dove ha fatto il suo primo volo post-restauro nel 1994. 
E' stato di base a Lons fino al 2005, poi in Germania fino al giugno 2011, quando fu acquistato dalla famiglia Salis a La Ferté Alais. Attualmente è stato ceduto in Italia ed è basato sull'aeroporto di Ravenna dall'Estate 2015. 
Nel 1982, su iniziativa di Alain Capel che ha scoperto l'esistenza di alcuni Yak 11 in Egitto e la possibilità di recuperarli, Salis Aviation ha negoziato con le autorità egiziane l'acquisizione del lotto.
Con le risorse combinate di Jean Salis, Capel e Jacques Raymond Bourret, il contratto è stato firmato nel giugno 1983. E 'stato poi organizzando lo smontaggio delle macchine abbandonate nel deposito El Khanda nel Delta del Nilo, carico nei container, trasporto in camion al porto di Alessandria d'Egitto, e viaggio in nave fino a Marsiglia.

 

Numero di serie: Y-5434 

Apertura alare : 9,40m 
Lunghezza : 8,50m 
Altezza : 3,28m 
posti : 2 
Massa a vuoto : 1900kg 
Peso massimo : 2500kg 
Motore :Shvetsov Ash-21 da 700 Hp (521Kw) con compressore e sistema d'iniezione diretta.
Velocità di crociera : 370km/h 
Velocità massima : 460 Km/h
Vne: 600 km/h
Autonomia: 1250Km
Tangenza: 7950m